Salute

Gli involtini primavera

Chissà quante volte li avrete assaggiati in un ristorante cinese… ora tocca a voi farli partendo dall’inizio (no…friggere gli involtini primavera pronti e surgelati che trovate nei supermercati non vale…). Insieme prepareremo degli involtini con un’impanatura friabile, ripieni di verdura croccante, saporita carne e teneri gamberetti. Per una scossa di energia in più, poi, potete servirli insieme ad un piatto di Jux, una sorta di gustoso porrige cinese.

Preparate prima di tutto la marinatura della carne con un cucchiaio e mezzo di salsa di soia, mezzo cucchiaino di saké, mezzo cucchiaino di olio di sesamo e due cucchiaini di amido di mais. Lasciate nella marinata 250 grammi di ottimo macinato di maiale per circa 20 minuti.

Intanto prendete 6 funghi shiitake secchi (molti degli ingredienti di questa ricetta si possono trovare in negozi alimentari specializzati in prodotti asiatici) ed immergeteli in acqua bollente fino a che non risulteranno morbidi. Eliminate i fusti e tagliate la cappella del funghi a striscioline. Tritate poi 120 grammi di gamberetti ed insaporiteli con un cucchiaino di zenzero grattugiato, un cucchiaino di saké e l’amido di mais.

Scaldate sul fuoco vivo un ampio tegame antiaderente dai bordi alti e aggiungete un cucchiaino d’olio d’oliva. Appena è ben caldo, mettete la carne di maiale marinata e, una volta ben rosolata, toglietela da fuoco e fatela asciugare bene. Pulite la padella e riscaldatela ancora, e questa volta versate due cucchiai d’olio. Appena caldo, cuocete i gamberetti fino a quando avranno cambiato colore, e poi toglieteli dal fuoco, asciugandoli con attenzione.

Pulite il tegame e riscaldatelo per la terza volta. Aggiungete ancora due cucchiai d’olio di oliva e appena esso ha raggiunto la temperatura ottimale, aggiungete due cucchiaini di zenzero grattugiato, mezzo cucchiaino di aglio tritato e i funghi sbollentati. Lasciate rosolare per un paio di minuti mescolando e poi aggiungete 120 grammi di cavolo tagliato a striscioline sottili, lasciate cuocere per circa un minuto e mezzo, poi aggiungete anche un mazzetto di scalogni tritati e 120 grammi di germogli di soia lavati ed asciugati.

Disponete alcuni fogli di pasta di riso pronti (una trentina dovrebbero bastare) sul piano di lavoro e ricopriteli con un panno umido per non farli seccare, e intanto mescolate in un piccolo contenitore acqua e amido di mais: vi servirà come “colla” per chiudere gli involtini.

Unite tutti gli ingredienti del ripieno e mettetene un po’ sull’angolo inferiore di uno dei fogli di pasta, schiacciandolo leggermente per far uscire il liquido in eccesso. Arrotolate poi il foglio come un sigaro ripiegando all’interno le due estremità, aggiungete un po’ di “colla” sulla parte superiore e chiudete l’involtino. Friggete gli involtini in abbondante olio d’oliva finchè saranno belli dorati.

Volete rimanere leggeri anche quando mangiate gli involtini primavera cinesi? Visitate https://primariepd2013.it/friggitrice-ad-aria e scoprite gli innovativi elettrodomestici che vi permetteranno di friggere ad aria calda, praticamente senza aggiungere grassi.

Salute

Le morsicature animali

Prevenzione – AGGRESSIONI E MORSICATURE DA PARTE DI CANI

1)COME PREVENIRLE

Indipendentemente dal fatto che sia un cane accompagnato dal proprietarioo un cane randagio, evitare di correre verso l’animale. E’ necessario evitare il contatto se non si è certi di poter escludere una reazione aggressiva. Il fatto che scodinzoli non indica piacere o contentezza, bensì deve essere interpretato come un segnale di indecisione su come reagire ad una determinata situazione.

Fermarsi ad almeno 2 metri di distanza per permettere a voi e al cane di “studiare”la circostanza. Evitare di fissarlo direttamente negli occhi, poiché tale gesto verrebbe interpretato come segnale di sfida: è più indicato guardarlo tra le orecchie o a livellodell’attaccatura della coda. Evitare di accarezzarlo ponendo la mano sulla sua testa, poichè tale atto verrebbe  interpretato dalcane come un segnale di minaccia. Nel caso in cui il cane guardasse di lato e ringhiasse (cane impaurito) aumentate ladistanza tra voi e lui indietreggiando e nel caso in cui il cane vi guardasseringhiando (cane non intenzionato a socializzare/dominante) aumentate la distanza tra voi e lui cambiando direzione di marcia. Se il cane iniziasse a retrocedere non ostacolate la sua via di fuga e se non presentasse gli atteggiamenti sopra citati (potenzialmente pericolosi), è comunqueconsigliatoprocedere nell’approccio posizionandosi di lato(mai mettersi frontalmente) e abbassandosi,aspettare quindi che sia il cane ad avvicinarsi, porgere lentamente (ma non troppo) la mano con il palmo rivolto versol’alto ed evitare di fissare il suo sguardo. Accarezzare il cane ma solo per tempi brevi.

2)COME COMPORTARSI SE SI VIENE AGGREDITI

Nel caso in cui un cane vi aggredisse, è importante evitare di correre via voltandogli le spalle (stimolereste la sua aggressività predatoria): risulta infatti meno pericoloso allontanarsia passo veloce controllando la situazione, senza urlare (agitereste ulteriormente il cane esacerbando la sua reazione). Qualora il cane vi avesse afferrato con la bocca e non poteste allontanarvi da lui, evitatedi intraprendere una lotta a voi sfavorevole. Evitate di urlare: risulta infatti più utilesdraiarsi a terra ed assumere la “posizione fetale”

La posizione consiste nel rannicchiarsi a terra su un fianco, portando le ginocchia verso il torace e lebraccia davanti al viso con i gomiti posizionati sul petto. In questo modo, parti moltodelicate come il viso, l’addome e la zona genitale verranno preservati da eventualiattacchi. Cercate quindi di rimane immobili ed evitate di innescare il “tira e molla” qualora il cane afferrasse un braccio o una gamba. Vedendovi inerti il cane ridurrà inbreve tempo la sua aggressività e si allontanerà. Solo allora vi alzerete e viallontanerete ma senza correre e controllando la situazione.

3)COME INTERVENIRE SE SI ASSISTE AD UNA AGGRESSIONE VERSO UNAPERSONA O VERSO UN ALTRO CANE

In questo caso è necessario evitare di picchiare il cane (il dolore intensificherebbe la suaaggressività) non bisogna tentare di sottrarre la vittima tirandola, in quanto si innescherebbe una sfida per la “preda-vittima” tra voi e l’aggressore, aumentando cosi l’intensità dell’aggressionestessa.L’unico rimedio consiste nel gettare dell’acqua sul cane che, disorientat,  mollerà lapresa permettendovi di distrarlo e lasciando la possibilità alla vittima di allontanarsi.